giovedì 19 giugno 2008

Persepolis

PersepolisInfanzia, adolescenza e maturità di Marjane, bambina, ragazza e donna iraniana, uno spirito libero e vivace straniero in patria.
Da piccola sembra una nostrana Mafalda che cresce nella sua famiglia progressista sentenziando con ironia sulle drammatiche vicende del suo paese; a quattordici anni va a studiare in Austria per sfuggire alla rivoluzione in atto nel suo paese e spera di trovarne uno veramente libero, ma si scontra con la società occidentale benestante, poco disposta all'accoglienza, solo in apparenza comprensiva, in realtà egoista.
Dopo il tradimento del suo ragazzo ha una crisi esistenziale e scappa dalla casa della signora che l'ospitava, dorme per strada, si ammala di bronchite e decide di tornare in Iran.
Riabbracciata la famiglia e la nonna-guru si ritrova però con una condizione sociale e politica insostenibile. Marjane dopo il tentativo di studiare arte nell'università di Tehran emigrerà definitivamente a Parigi.
Veramente bella questa trasposizione dell'omonimo fumetto che piacerà sicuramente molto alle femministe: sono proprio i personaggi femminili il centro intorno a cui ruota tutto, personalità forti nonostante la maschilista società iraniana.
L'esistenza ribelle e la tragica storia dell'Iran si intrecciano in un'animazione che, con un bianco e nero (salvo per il tempo presente) espressionista, offre un riuscitissimo sfondo visivo ad una narrazione ricca di spunti di riflessione civile e morale.
Estasiato
| Reg: 8 | Ani: 8 | Fot: 8 | Sce: 8 | Son: 8 |

Qualcosa in comune con: