lunedì 4 agosto 2008

Il mio vicino Totoro

Il mio vicino TotoroMei, Setsuki e il loro papà si trasferiscono in una vecchia casa in campagna per essere più vicini all'ospedale dove si trova in cura la mamma delle due sorelline.
La nuova dimora non sembra essere completamente disabitata e il paesaggio bucolico che entusiasma le due piccoline nasconde anche strani personaggi: oltre ad una premurosa nonnina, ci sono i makkuro kurosuke, piccoli batuffoli di polvere animati, e Totoro, una specie di ghiro ghiotto di ghiande, con un'indole pachidermica e l'animo gentile.
Le due sorelline, private dalla temporanea assenza materna dell'attenzione che la loro età richiederebbe, affronteranno la situazione con intraprendenza e con l'aiuto di Totoro potranno dire: “era solo un sogno, ma non era un sogno”.
Miyazachi compone una favola delicata ed intimista che gioca con le fantasie dello sguardo fanciullesco e lo asseconda per tutta la realizzazione facendone la dimensione del film.
Curati i disegni e grande attenzione dedicata alle dinamiche psicologiche dei bambini ai quali questo film è veramente indicato.
Il film è del 1988, ma dovrebbe arrivare nelle sale cinematografiche italiane tra ottobre e novembre di quest'anno; se avete figli piccoli, nipotini o volete rivivere le sensazioni di meraviglia, fantasia e scoperta tipiche della prima età, andate a vederlo.
Deliziato
| Reg: 8 | Ani: 8 | Fot: 8 | Sce: 8 | Son: 8 |

Qualcosa in comune con: