mercoledì 17 ottobre 2007

Sogni

SogniGli otto sogni di Kurosawa hanno la particolarità di coniugare un fenomeno così personale con la storia di una nazione. E' il Giappone del secolo passato che emerge dall'analisi di questi racconti che oscillano tra il sogno malinconico e l'incubo.
Il percorso proposto segue sia le fasi della vita di un uomo che le trasformazioni storiche del paese che ha visto la propria tradizione lacerata dall'atomica della guerra mondiale e successivamente dall'industrializzazione. Gli scenari possibili sembrano apocalittici ma Kurosawa decide di chiudere il film con un pizzico di speranza in un villaggio paradisiaco dove è possibile festeggiare un sereno funerale. Qualche sogno un po' soporifero e uno che sembra stonare dal complesso, ma è quello che mi è piaciuto di più, dove un pittore dilettante entra in un quadro di Van Gogh per tentare di parlargli.
GP: Deliziato
Voto: 7,2

Qualcosa in comune con: