lunedì 29 febbraio 2016

Oscar 2016

di-caprio-oscar-2016
I vincitori degli Oscar 2016 sono stati:
  • Miglior film: Il caso Spotlight di Thomas McCarthy
  • Miglior regia: Alejandro González Iñárritu per Revenant - Redivivo
  • Miglior sceneggiatura originale: Tom McCarthy e Josh Singer per Il caso Spotlight
  • Miglior attore protagonista: Leonardo Di Caprio per Revenant - Redivivo
  • Miglior attrice protagonista: Brie Larson per Room
  • Miglior film straniero: Il figlio di Saul di László Nemes
[Per l'elenco completo vedere tutti i Premi Oscar 2016 con i vincitori fra i nominati]

Anche se non sembrerebbe, guardando i premi principali che ho qui sopra riportato, il dominatore di questi Oscar 2016 è stato Mad Max: Fury Road il film si è infatti portato a casa ben 6 statuette su 10 candidaure (era anche nella mia lista di 7 film più belli fra quelli che ho visto nel 2015).
Ma questa edizione si ricorderà soprattutto per la mobilitazione globale in supporto per una statuetta a Leonardo Di Caprio che è finalmente arrivata per l'interpretazione in Revenat di Iñárritu, quest'ultimo si è ripreso la statuetta conquistata anche lo scorso anno per la miglior regia.
Sugli altri film vincitori dei premi "grossi" non dico niente perchè non li ho visti, ma devo aggiungere che mi fa piacere il premio alla bella Alicia Wikander come attrice non protagonista per The Danish Girl e ovviamente felicitazioni per il nostro vecchio Ennio Morricone che ha vinto il premio per la colonna sonora di The Hateful Eight di Tarantino.
Fra gli sconfitti c'è Sopravvissuto - The Martian che su 7 candidature non ne ha vinta una, qui sì dico qualcosa, mi fa piacere, avevo letto volentieri il libro da cui è tratto "L'uomo di marte" di Andy Wair poi avevo visto il film che invece si era rivelato una delusione.
Nel complesso mi è apparsa un'edizione abbastanza prevedibile bansandosi anche sul "sentito dire", forse quello che più mi ha colpito è stato il premio come miglior film a Il caso Spotlight perchè lo avevo sentito etichettare come un film interessante ma con pochi sforzi espressivi, da Franco Dassisti e dal fastidioso Boris Sollazzo della trasmissione La rosa purpurea di Radio 24, si sbagliavano?

sabato 27 febbraio 2016

Salvador Dalí a qui.

salvador-dali-walt-disney
Pensavo che i maggiori contributi al cinema di Salvador Dalí fossero stati Un chien andalou (di cui un frammento apre ogni pagina de Il Recidivo) e L'âge d'or, entrambi realizzati con Luis Buñuel, e poi la sequenza del sogno in Io ti salverò di Alfred Hitchcock; invece sono incappato in un'altra collaborazione che non mi sarei aspettato, quella con Walt Disney.
Dalì ha infatti sceneggiato anche un corto intitolato Destino iniziato nel 1945, ma interrotto dopo otto mesi perché avevano finito il budget, fu quindi completato nel 2003 da Baker Bloodworth e Roy Disney.
La breve animazione di soli 6 minuti racconta la storia di una principessa, personificazione del tempo, che si trova a danzare senza poter raggiungere l'amore per un mortale. Dalí lo descrisse come una magica rappresentazione del problema della vita nel labirinto del tempo, Walt Disney come la storia di una giovane ragazza in cerca del vero amore. Il video lo potete vedere più sotto.
Per completezza, dopo una consultazione su Wikipedia, segnalo che il celebre surrealista spagnolo realizzò un ulteriore film Impresiones de Mongolia Superior dove racconta la storia di una spedizione alla ricerca di enormi funghi allucinogeni.