sabato 31 ottobre 2009

Film consigliati per Halloween (New Edition)

film-consigliati-halloween-spiritello-porcello

Avevo già fatto una lista per l'occasione, anzi ben due ricette di film consigliati, ma perché non aggiungerne una nuova con film più recenti?!
Ecco quindi una nuova ricetta per un Halloween super hard composta da molti ingredienti del nuovo cinema horror francese, film che mi auto-consiglio dato che ne ho visto uno solo, ma voci mi dicono che anche gli altri possono dare delle "soddisfazioni".
Ho detto che è una ricetta super hard dato che alcuni titoli sono particolarmente trucidi e quindi suggerisco la visione solo ad un pubblico adulto.
Per i minorenni c'è la bella e buona Ricetta Soft, per i minorati Twilight.


» Ricetta per un Halloween Super Hard:

film consigliati per halloween
  • À l'Intérieur - Inside (2007) - Una donna incinta è perseguitata dentro casa sua da una psicopatica.
  • Lasciami entrare (2008) - Dodicenne introverso tormentato dai coetanei fa conoscenza con una misteriosa ragazza. Succedono fatti inquietanti.
  • L'ultima casa a sinistra (2009) - È il remake di quello del 1972 di Wes Craven, violenza gratuita e violenza per vendetta.
  • Frontiers - Ai confini dell'inferno (2007) - Seguendo il link si trova la mia visione.
  • Martyrs (2008) - La piccola Lucie scomparsa da un anno viene ritrovata ma non ricorda nulla. Dopo 15 anni si risveglia qualcosa dentro di lei; non è niente di buono.

giovedì 29 ottobre 2009

Sh049 - Diluvio d'inverno

diluvio d'invernoScreensHot: ammira solo, usa come sfondo del desktop o indovina il film.

martedì 27 ottobre 2009

Kyashan – La rinascita

kyashan la rinascitaAlla fine è accaduto, la federazione degli stati dell'est è entrata in guerra con l'Europa e dopo cinquant'anni ecco l'Eurasia contaminata e devastata dagli effetti del conflitto.
Per tentare di rattoppare e salvare gli esseri umani il professor Azuma sta creando una nuova cellula in grado di rigenerare gli organi. Quando avviene la scoperta tutto va fuori controllo e ne scaturisce un nuova razza dei neo-sapiens che, ovviamente, vuole dominare. Kyashan, il figlio del professore, tornato anche lui dal mondo dei morti con poteri sovrumani, tenterà di bloccarli.
Chi si ricorda la serie animata del ragazzo androide troverà qualcosa di diverso, l'autore ha dato una sua reinterpretazione e variazione puntando decisamente sull'impatto visivo e prendendosi tutto il tempo per farlo: due ore e venti minuti.
Troppo confuso e lungo, a volte anche un po' ridicolo, ma non brutto, sembra un incubo variopinto in un'atmosfera sospesa e in effetti concilia anche il sonno.
Si allontana decisamente dagli standard dei comic-movie di stampo occidentale visivamente, nei ritmi, nella percezione dell'eroe e per comprendere meglio il film bisogna fare qualche passo nella cultura nipponica: “la rinascita” post-atomica, in particolare, ha caratterizzato decisamente il “sentire” intellettuale e umano per la drammatica esperienza diretta (Nagasaki e Hiroshima).
Ci sarebbe molto contenuto nel film, la voglia di potere, l'odio degli uomini, la contaminazione ambientale, il conflitto generazionale... tanti temi classici che trovano un'apparente ordine solo nell'apologo antimilitarista dell'epilogo. Nel complesso però è caotico, forse bisogna lasciare da parte la narrazione, guardare solo e “provare” la distruttiva desolazione che l'uomo può creare e credere nella resistenza ostinata che i suoi figli sanno avere.
Gradito
| Reg: 7 | Rec: 6 | Fot: 8 | Sce: 5 | Son: 8 |

lunedì 26 ottobre 2009

Il cinema classico gratis online


Se amate il cinema classico e non avete problemi a guardare film in lingua originale (soprattutto in inglese) ecco il sito che fa per voi: Classic Cinema Online.
Potete vedere gratis in streaming molti vecchi film, divisi per genere, veramente una manna per gli appassionati del primo cinema, ma interessanti anche per i curiosi in cerca in un salto nel passato.
Tanto per fare qualche titolo consiglio l'on-the-road noir di Detour o la fantascienza politica di Metropolis e in vista di Halloween si potrebbe dare una sbirciatina alla sezione Horror e a quella Sci-Fi; come dice anche Valentino Rossi "gallina vecchia fa buon brodo".

sabato 24 ottobre 2009

Linux Day 2009: i film dei pinguini

Linux day 2009Oggi è il Linux Day una giornata dedicata al sistema operativo libero e alle sue sfaccettature, in molte città sono organizzati incontri per conoscerlo e diffonderlo.
Il pinguino, o meglio Tux, è la mascotte identificativa del kernel linux, praticamente un'icona per gli utilizzatori del software open source tanto da definirsi proprio "pinguini".
L'anno scorso avevo dedicato il post della ricorrenza inserendo i film open source, quest'anno ho pensato di fare la lista dei film dei "pinguini":

venerdì 23 ottobre 2009

Marc'aurelio d'oro 2009

Conclusa la quarta edizione del Festival del Cinema di Roma ecco i premi:
[Elenco completo dei premi ufficiali]

giovedì 22 ottobre 2009

Sh048 - La beniamina degli artisti

la beniamina degli artisti
ScreensHot: ammira solo, usa come sfondo del desktop o indovina il film.

mercoledì 21 ottobre 2009

L'insegnante di francese - Scegliti una morte - Hitlo


Per me Rezza è (stato?) geniale.

martedì 20 ottobre 2009

!Stats 6 - Due e duecento

2oo film

Due anni sono passati e duecento film sono stati inseriti.
Non so bene cosa dire, in realtà questo post un po' lo aspettavo e ora lo sento un pro-forma, ma comunque è un traguardo che vale la pena “celebrare”.
Le statistiche di Google indicano che il blog è leggermente in crescita come numero di visitatori mensili, anche se voliamo tanto bassi che le punte degli alberi ci solleticano il pancino. Ho notato che, rispetto a Lloogg, Google Analytics si perde un po' di visitatori in più, ma dato che queste statistiche servono solo per farsi un'idea le prendiamo per buone.
I visitatori hanno usato:
  • Firefox + Windows -> 40.3%
  • Internet Explorer + Windows -> 40.2%
  • Firefox + Linux -> 5.4%
  • Safari + Macintosh -> 4.1%
Attuali visitatori giornalieri:
  • Circa 78
In conclusione:
Le grandi e profonde conclusioni sono due: il due torna molto più di due volte nel post e Linux batte Mac! ;-)

lunedì 19 ottobre 2009

Videocracy - Basta apparire

videocracyUn documentario che quasi fa assopire, nonostante solo un'ottantina di minuti, nell'intento di mostrare la videocrazia e rivelandosi poco più di un collage (un po' alla blob) allungato e con una voce guida da ninna-nanna.
L'idea buona è quella di presentare l'elettrodomestico più guardato d'italia come lo strumento che educa ad una percezione del suo contenuto in modo d'essere inteso come lo spazio in grado di dare un senso esistenziale: se appari sullo schermo allora sei qualcuno. In una mente sempliciotta questo effetto della tv è molto più efficace e così l'operaio bresciano sente che solo essere parte di quel mondo può dargli un valore: la popolarità è la via della felicità.
Una tesi, quella della mente condizionata, portata alla fine ma non “a fondo”. Rimane superficiale, come tanta televisione.
L'altro tempo del film è dedicato ai personaggi ritenuti topici dal regista. Ad aprire le danze c'è ovviamente il Silvio nazionale, colui che ha fatto nascere tutto diffondendo negli italiani la sua “visione”. Poi arrivano le sue creature, un Lele Mora di bianco vestito che mostra sorridente il suo cellulare con suoneria fascista e loghi nazisti, e ovviamente non manca Fabrizio Corona, nudo senza motivo (qui il film si fa uguale al suo oggetto di studio), orgoglioso di essere un Robin Hood che ruba ai ricchi per dare a sé stesso.
Intanto nel centro commerciale le ragazzine si dimenano nei concorsi sperando di poter diventare la prossima “-ina”.
Per chi già disprezza il mondo televisivo di stampo berlusconiano poco interesse troverà in questo filmetto, ed è difficile immaginare che sia invece rivolto a chi non è consapevole perché, molto probabilmente, accadrà come per il povero e ingenuo operaio bresciano convinto di aver fatto una parte da attore e non d'essere stato un esemplare da mostrare: un figlio della televisione.
Io ho sempre sostenuto che non sono tanto preoccupanti Lele Mora, Corona o Berlusconi (i detentori del potere video), ma la quantità di gente che vuole fare le foto con il primo, che va in discoteca per vedere il secondo e che ha votato l'ultimo. Gente che rende misero il pensiero umano, reifica l'apparenza e legittima il loro potere.
Sgradito
| Reg: 6 | Rec: - | Fot: 5 | Sce: 6 | Son: 5 |

giovedì 15 ottobre 2009

Sh047 - Nuvole ben disposte minacciano rovesci

sono previste turbolenzeScreensHot: ammira solo, usa come sfondo del desktop o indovina il film.

mercoledì 14 ottobre 2009

Festival Internazionale del Cinema di Roma [IV edizione]

festival roma
Da domani 15 ottobre fino al 23 si terrà la quarta edizione del Festival Internazionale del Cinema di Roma.
Non riesco a scrivere un commento preventivo sui film in concorso come avevo fatto per la Mostra di Venezia, l'unico regista che conosco un po' è Tanovic, comunque al festival non ci sono solo film in concorso, anzi, ce ne sono molti altri divisi in quattro sezioni principali che hanno poi ulteriori sottosezioni.
Per i miei gusti l'evento è The Imaginarium of Doctor Parnassus di Terry Gilliam. I film in concorso sono questi:

lunedì 12 ottobre 2009

L'era glaciale 3 - L'alba dei dinosauri

I mammuttoni aspettano un mammuttino intanto la tigre con i denti a sciabola sembra non essere scattante come un tempo.
I legami di amicizia del variegato branco dell'era glaciale sono a repentaglio e iniziano a sfaldarsi minati dal nucleo familiare, ma il bradipo Sid con la sua sbadataggine lancia il gruppo in una nuova avventura che riaggiusterà tutto per una nuova sintonia in grado di rendere i due nuclei di relazioni come interdipendenti e irrinunciabili. Oltre a questi legami tradizionali c'è spazio anche per lo spirito temerario e “selvaggio” di chi, come il furetto Buck, sceglie una vita solitaria, lontano sia dalla famiglia che dagli amici, una vita tormentata dai ricordi e proiettata nella ricerca di un utopistico scopo esistenziale.
Formalmente non c'è quasi niente di nuovo, si continua con la formula vincente sempre ben scritto, divertente, e con gli intervalli dedicati agli skatch dello scoiattolo Scrat alle prese con la solita ghianda questa volta offuscata da una scoiattolina (o topa ragno?) che sfrutta, maleficamente, il potere della seduzione.
Deliziato
| Reg: 8 | Ani: 8 | Fot: 8 | Sce: 8 | Son: 7 |

sabato 10 ottobre 2009

Culturame preveggente


Il Caimano di Nanni Moretti (2006)

venerdì 9 ottobre 2009

Fanboys

Nella notte di Halloween del 1998 un gruppetto di fans di Star Wars progetta di partire per un viaggio on the road, la meta è lo "Skywalker Ranch" di George Lucas, lo scopo è vedere L'Episodio I in anteprima perché uno di loro è malato di cancro e non può attendere l'uscita ufficiale del film.
Strizza decisamente l'occhio al pubblico nerd-geek questa commedia che non riesce ad essere veramente divertente trattenuta sia dallo spunto propulsivo triste, sia da gag non sempre riuscite.
Gli elementi tipici del microcosmo sono presenti in quantità, a partire dai personaggi: c'è Linus e c'è Windows, i soprannomi di due dei protagonisti, c'è il fanatico dei Rush che vive in una roulotte nel giardino dei genitori, c'è il fumettista che ha abbandonato la sua passione per una vita “dentro gli schemi” vendendo automobili ma senza essere felice. C'è anche Kristen Bell che interpreta la ragazza ideale, carina, disponibile, simpatica, appassionata delle stesse “materie” e che addirittura compare vestita come la principessa Leila; sì forse questa non è proprio tipica.
Anche le situazioni sono quelle classiche del genere: c'è lo scontro tra “starwarsari” e i maledetti “trekkie”, il nerd sociopatico che non riesce a capire l'interessamento dell'amica, la ragazza incontrata in internet, la sfida citazionista.
Il risultato però non è proprio da cult, tutto troppo macchiettistico e i camei di qualche leggenda della fantascienza quasi remano contro. A concludere poi il finale banale, ma a me è sempre piaciuta quell'amicizia che si forma intorno alla condivisione degli stessi interessi e si vede nel film un innamoramento per quei personaggi imminenti al lutto, legati da una passione in grado di far gustare quello che rimane della vita.
Gradito
| Reg: 5 | Rec: 4 | Fot: 5 | Sce: 5 | Son: 6 |

giovedì 8 ottobre 2009

Sh046 - I gineprai della reminiscenza

gineprai della reminiscenzaScreensHot: ammira solo, usa come sfondo del desktop o indovina il film.

mercoledì 7 ottobre 2009

Action for women



Michelle Hunziker vi invita a partecipare al concorso cinematografico per aspiranti registi sullo spinoso tema della "Violenza contro le donne".
Gli aspiranti registi dovranno girare un corto che verrà giudicato da una giuria di esperti composta, tra gli altri, dai registi Jago Van Dormael (Presidante di Giuria), Giuseppe Tornatore, Francesca Comencini, Roberta Torre, Renata Litvinova e dal critico cinematografico Enrico Magrelli. La giuria valuterà le opere in concorso selezionando i finalisti che verranno poi votati dal pubblico di YouTube.

Il cortometraggio vincitore del concorso verrà premiato con una proiezione speciale durante la 67^ Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2010.

lunedì 5 ottobre 2009

Garage

garageJosie lavora come benzinaio in un distributore nella periferia di un paesino poco abitato. Nonostante i clienti non siano molti il suo datore di lavoro gli affianca un ragazzo quindicenne per i week-end. Tutto scorre un pochino meglio, con una nuova amicizia, fino ad un'incomprensione insostenibile.
Questo film vince il premio del più triste e umano dell'anno, sembra una versione un po' meno sociale e più esistenziale de La ballata di Stroszek.
Il protagonista, un ritardato con un cuore d'oro, trascorre con la sua malinconica felicità la monotona vita dei grigiastri cieli irlandesi, sempre pronto ad assecondare il suo occasionale compagno di conversazione e a portare qualcosa da mangiare ad un cavallo solitario. Una quotidianità fatta di routine e senza molte altre possibilità, ma che rende vivibile l'esistenza di quello spirito puro e ingenuo proprio perché le contingenze sono semplici e meccaniche.
Ma basta un ostacolo, frutto dell'ingiustizia e della paura che porta a conclusioni affrettate, alimentate dai pregiudizi, a distruggere tutto, rompere l'equilibrio sostenibile e macchiare il candido animo di Josie in modo irreparabile.
La regia rispecchia la situazione, si mette di lato e si fa semplice, minimale e composta, riducendosi spesso a una fotografia nella quale carpire la collocazione naturale di una vita immersa in uno spazio troppo vasto. Vasto, ma incapace di ospitare tutti, perché l'uomo è un pericoloso abitante e con la sua "civilizzazione" provoca anche derive corrosive, semplificazioni e degenerazioni che agli animi innocenti possono fare troppo male.
-Ma sei diventato permaloso!?
-No, è che sei tu che sei diventata stronza.
Deliziato
| Reg: 7 | Rec: 8 | Fot: 8 | Sce: 6 | Son: 6 |

giovedì 1 ottobre 2009

Sh045 - Un'ultima cena tutta al maschile

ultima cena maschile

ScreensHot: ammira solo, usa come sfondo del desktop o indovina il film.